ON AIR SUI 94.30 MHZ
NETWORK
Traccia corrente

Titolo

Artista

Programma attuale

Dolce Alice Live

21:00 23:00

Programma attuale

Dolce Alice Live

21:00 23:00


Let it rock 73: Running on empty to the last resort. FILE ASCOLTABILI

3 Maggio 2015

Prima parte

Seconda parte

Pagina facebook

Logo Let it Rock

Benvenuti alla puntata n.73 di Let it rock.

La vita su strada dei rockers durante le loro tournèe negli anni 70 è stata mirabilmente resa da “Almost famous” di Cameron Crowe, col contorno di giornalisti, groupies, promoters.

Jackson Browne l’ha resa celebre in musica col suo album “Running on empty” del 1977. Il disco è composto da canzoni nuove, registrate dal vivo, nel backstage o in alcune stanze di hotel, come “The road”, resa celebre in Italia da Ron. La title track è la perfetta rappresentazione della vita su strada, sempre di corsa tra un concerto e l’altro, e sempre col serbatoio vuoto (questa è la traduzione letterale di “Running on empty”).

La canzone è stata utilizzata anche nella celebre scena della corsa di Forrest Gump attraverso gli Stati Uniti

Ottima scelta per iniziare questa puntata, non credete?

Ma anche quello che segue non è male: “Low-down way you’re feeling, sexy things you do”, inizia così Ride me high di JJ Cale, tipico esempio del suo blues davvero low-down & sexy.

“Band on the run” di Paul McCartney è tre canzoni in una, e solo nei primi 2 minuti e mezzo. Non sono un fan dei Beatles e dei singoli componenti, ma ammetto che questo album, e soprattutto questa canzone, sono grandi.

La versione di “You’re a big girl now” che ascolterete nella puntata è tratta da un bootleg che raccoglie le prime incisioni di “Blood on the tracks”, registrate a New York. La storia ci racconta che Dylan decise di reincidere diverse canzoni a pochi giorni dall’uscita ufficiale del disco, insieme a un gruppo di turnisti di studio completamente diverso da quello utilizzato a New York. Sul web non ho trovato link per la versione originale di You’re a big girl now, così ho messo quello della versione “ufficiale”, ma potrete trovare le incisioni originali di Tangled up in blue, Idiot wind, Lily Rosemary And the Queen of Hearts e If you see her, say hello.

“China Grove” è uscita in italia come retro di “Long train running”, e ho il 45 giri per dimostrarlo. Per anni devo dire di avere un po’ sottovalutato il pezzo, anche perché il lato A mi piaceva da morire, e mi piace tutt’ora. China grove però col tempo ha acquistato valore per il sottoscritto e ora i due lati per me si equivalgono.

La seconda parte della puntata inizia con l’omaggio dei Pink Floyd al loro vecchio compagno Syd Barrett, perso ormai oltre ogni possibilità di recupero nel regno delle droghe psichedeliche.

Ascoltiamo poi un brano dal primo album di Patti Smith, “Horses”, uscito nel 1975.

Nello stesso anno Neil Young iniziò a registrare alcune canzoni che poi finirono in “Comes a Time” del 1978, album considerato tra i “minori” del cantautore Canadese nel decennio del 70, forse a ragione considerati i capolavori che l’hanno preceduto e seguito. Ma un album minore di Young da quegli anni significa comunque un signor disco, e “Look out for my love” ne è uno degli episodi migliori.

“Angie” è stato sicuramente uno dei maggiori successi degli Stones, ma si trova anch’essa in uno dei dischi meno considerati del gruppo, “Goats Head Soup”; penso che questo dica molto sulla qualità media della produzione rock di quei tempi.

“Tattler” proviene invece da uno dei capolavori di Ry Cooder, “Paradise and lunch”, tra covers di standard R&B, Jazz, gospel e originali come questo, che dimostrano come Cooder sapesse miscelare i giusti ingredienti per ottenere grandi album (anche se con copertine orrende…).

Concludiamo la puntata con la mia canzone preferita da quello che è considerato il capolavoro degli Eagles, “Hotel California”, anche se personalmente preferisco altri loro dischi.

“The last resort” è un bellissimo atto d’accusa contro la distruzione della natura da parte della razza umana, “somebody laid the mountains low while the town got high” è solo una delle frasi della canzone che rendono bene quest’idea.

Come sempre, spero che la selezione musicale vi sia piaciuta, e spero di ritrovarvi ancora la settimana prossima, con tanto altro rock da ascoltare insieme.

Playlist:

Jackson Browne – Running on empty (live)

Forrest Gump – The long run

JJ Cale – Ride me high

Paul McCartney & Wings – Band on the run

Bob Dylan – You’re a big girl now

Doobie Brothers – China grove

Pink Floyd – Wish you were here

Patti Smith – Free money

Neil Young – Look out for my love

Rolling Stones – Angie

Ry Cooder – Tattler

Eagles – The last resort

 

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *