ON AIR SUI 94.30 MHZ
NETWORK
Traccia corrente

Titolo

Artista


Let it rock 76: Farewell to the King. FILE ASCOLTABILI

24 Maggio 2015

Prima parte

Seconda parte

Pagina facebook

Logo Let it Rock

Benvenuti alla puntata n. 76 di Let it Rock.

Lo scorso 14 Maggio, a 89 anni ci ha lasciato uno dei più grandi bluesmen della storia, B.B. King.

L’influenza di B.B. sulla musica dell’ultimo secolo, non solo sul blues, è stata enorme e sentiremo sicuramente la sua mancanza: fortunatamente ci rimangono i suoi numerosi dischi e ho scelto la versione di “Sweet little angel” dal Live at the Regal del 1965, uno dei più grandi album blues mai incisi, per celebrarlo degnamente in apertura della puntata.

Tra le altre 12 canzoni in scaletta si alternano alcune novità come “Oh Sheena” di Jesse Malin, “Away, way too long” dal nuovo album registrato insieme da Anders Osborne e dai North Mississippi Allstars, “In another world” che apre l’ultimo disco di Dwight Yoakam e il ritorno all’incisione, dopo quasi 50 anni, dei Sonics una delle band leader del movimento garage della metà degli anni 60 che anticipò molte delle caratteristiche del punk del decennio successivo. Il loro nuovo album si intitola semplicemente “This is The Sonics” e suona incredibilmente come se non fossero passati che pochi mesi dal precedente “Boom” del 1966. Vi faccio ascoltare una cover pazzesca di un brano poco noto di Ray Charles proprio del 1966, “I don’t need no doctor”, dinamite pura.

Oltre alle novità abbiamo un estratto dal miglior album del 2014, il già celebrato “Down where the river meets the bone” di Lucinda Williams, ovvero “Protection”, e un pezzo dall’ultimo album di Lydia Loveless, 24enne originaria dell’Ohio, che molti definiscono una giovane Lucinda con una vena punk più accentuata e che ha appena visitato l’Italia con la sua band. L’ho vista dal vivo a Vignola e suggerisco a tutti di non perderla nel prossimo giro, che spero non sia tanto lontano.

Rimangono alcuni ‘classici’ come “Bad to the bone” di George Thorogood, “Oh Pretty Woman” di Roy Orbison nella versione hard rock dei Van Halen, “Between two worlds” di Tom Petty & The Heartbreakers, proveniente da “Long after dark” che è stato appena riedito in versione HD Audio insieme ad altri album del Seminole e “Down in Allen’s Mills” proveniente dal miglior album (a mio modesto parere) dei grandi e purtroppo poco conosciuti Del Fuegos, “Smoking in the fields”.

La chiusura di questa puntata molto tirata spetta a Doc Lawrence, autore nel 1992 di un ottimo album che purtroppo non ha avuto alcun seguito degno di nota, una meteora che è anche difficile da trovare, tanto che non esiste alcun video da proporvi, dovete proprio ascoltare la puntata fino alla fine per godervi “I’ve cried myself to sleep”!

Vi aspetto come sempre sui 94.300 Mhz in FM o in streaming su www.radionova.it.

Playlist:

B.B. King – Sweet Little Angel (Live At The Regal)

Anders Osborne & North Mississippi Allstars – Away way too long

Lucinda Williams – Protection

Lydia Loveless – Head

Jesse Malin – Oh Sheena

Del Fuegos – Down in Allen’s Mills

George Thorogood & The Destroyers – Bad to the bone

Van Halen – Oh Pretty Woman

Sonics – I don’t need no doctor

Dwight Yoakam – In another world

Tom Petty – Between two world

Nazareth – Teenage Nervous Breakdown

Doc Lawrence – I’ve cried myself to sleep

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *