ON AIR SUI 94.30 MHZ
NETWORK
Traccia corrente

Titolo

Artista

Programma attuale

100 big mondo

07:30 08:00

Programma attuale

100 big mondo

07:30 08:00


Gaspare Pellegatta: esce il 3 giugno “Post-Amarcord”

30 Aprile 2021

Esce il 3 giugno per Artist First, Post-Amarcord, primo album di Gaspare Pellegatta, non solo musicista, anche illustratore, creativo, giovane artista poliedrico.
Gaspare intreccia la musica con la pittura, genesi del processo creativo. Nel corso degli anni sviluppa un percorso con il quale indaga il tema della distanza emotiva tra le persone. Ne delimita i confini tra le pareti di una tela. Uno spazio blu in cui galleggiano ricordi plastici, esperienze di vita, relazioni e scenari quotidiani attraverso metafore visive.

Post-Amarcord è una pellicola sonora, un’immagine musicale, un cocktail di ricordi sgraziati da bere tutto d’un fiato, lasciandosi completamente avvolgere, fino a perdercisi dentro. Anticipato da tre singoli Dippel, Yashica e Laveno.

Il singolo Yashica ha ispirato un progetto più grande: l’ideazione di una fanzine DIY, stampata in edizione limitata. Diciotto artisti diversi (Vaps, Cranico, Elasi, Nowhen e Alceae (Studio Murena), Palazzi Club e tanti altri) hanno così riletto nel loro stile il brano creando un contenitore creativo in cui il concept iniziale viene declinato in scritti, illustrazioni e rework musicali. Hanno poi saputo plasmare il singolo in differenti opere, piccole gemme di cultura indipendente in cui si mescolano artwork grafici, collage, poesie, saggi e riletture musicali del singolo, riprese in un EP di rework.

Otto tracce, diapositive in cui cadere, che raffigurano viaggi nomadi sparsi per il mondo, persone perse di vista, ritrovate, mai conosciute, incontrate probabilmente in un sogno.
Il ritratto della distanza emotiva, una porzione di vita partita dalle sponde del Lago Maggiore, vissuta tra i canali e i concerti di Amsterdam, le lezioni universitarie di Milano, i taccheggi fatti a Toronto e le spiagge del Cile. Il tutto scorre veloce, come in un flusso di coscienza che non si può fermare, fondendo le influenze musicali che hanno fatto da colonna sonora alla scrittura dell’album: i violini di Andrew Bird, il groove dei The Internet, le produzioni di Bonobo.

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *