ON AIR SUI 94.30 MHZ
NETWORK
Traccia corrente

Titolo

Artista

Programma attuale

Rockwave

21:00 23:00

Programma attuale

Rockwave

21:00 23:00


FRAN E I PENSIERI MOLESTI TORNA CON IL NUOVO SINGOLO “PETROLIO”

7 Aprile 2022

Nel brano, che affronta il tema dell’ecologia, è la Terra a parlare in prima persona e a lanciare il suo grido di denuncia e un monito per affrontare il problema del cambiamento climatico

Esce “PETROLIO” (distribuzione ADA Music Italy – ADA.lnk.to/Petrolio), il nuovo singolo della band torinese FRAN E I PENSIERI MOLESTI, nuovi esponenti della scena indie pop e queer.

Il brano arriva dopo la pubblicazione di “Come la vita” e anticipa il nuovo percorso artistico del gruppo, che rilascerà un nuovo album di inediti entro fine anno.

 

Da sempre vicina a tematiche sociali e universali, con questo singolo il gruppo affronta argomenti di grande attualità legati all’ecologia, alla lotta al cambiamento climatico e all’inquinamento.

“Petrolio”, scritto da Francesca Mercurio, che ha anche composto il pezzo con Roberto Testa e prodotto da Gianmarco Grande, è un brano pop che affronta il tema legato alla tutela dell’ambiente in maniera intima e diretta.

«È la Terra che ci parla in prima persona e ci ricorda le azioni negative che abbiamo compiuto nei suoi confronti, il nostro trascurarla e la noncuranza. “Ma sai, sei stato distratto, non mi hai protetta dal mondo, e noi sappiamo solo soffocare come petrolio nel mare”, recita il ritornello. Da un lato è un grido di denuncia – racconta la band – dall’altro un invito a cambiare mentalità e ad agire nell’immediato: “Raccoglimi da terra adesso, che mentre il mondo sta finendo, ti giuro, amore, che mi sto spegnendo».

Fran e i Pensieri Molesti nascono nel 2016 a Torino grazie all’incontro di Francesca Mercurio (voce, chitarra e autrice) con Lorenzo Giannetti (organetto diatonico, sintetizzatori), ai quali si uniscono dopo poco tempo Jacopo Di Nardo (percussioni, batteria e pad), Roberto Testa (basso elettrico, contrabbasso e tastiere) ed Enrico Magno (chitarra elettrica).

Il progetto si irrobustisce sempre più grazie a un forte lavoro di squadra che spinge ognuno a mettersi sempre in gioco con nuove idee: da qui il cambiamento di generi, dal folk-cantautorato all’indie-elettronico per poi raggiungere il pop; così come i costumi, dalla sperimentazione steampunk, al nudo, dalla distruzione degli stereotipi di genere al glam.

Insomma, una commistione di pensieri, spesso molesti, che hanno portato il progetto ad essere unico nel suo genere e ad essere molto più che una band. Ciò che contraddistingue Fran e i Pensieri Molesti è l’andare sempre alla ricerca di novità, girare il mondo e trovare nuovi spunti per far evolvere la loro musica e i loro testi, affrontando anche tematiche sociali come l’ambiente, l’identità e la violenza di genere, l’amore coniugato nei suoi vari aspetti. Nel 2016 esce “Col Senno Di Poi”, primo album che trova le sue radici nel folk e nel cantautorato.

Nel 2019, anticipato dai singoli “Mania” e “Verderame”, esce “Anomalia”, la vera sperimentazione indie-elettronica che segna l’evoluzione verso il pop.

Nel gennaio 2022 esce il singolo “Come la vita”, la cui produzione artistica è curata da Giorgio Pesenti degli Iside ed Elio Biffi dei Pinguini Tattici Nucleari. Attualmente la band sta lavorando al terzo disco.

Fran e i Pensieri Molesti hanno partecipato ai più importanti festival della scena indipendente: Alcart Festival di Alcamo (TP), Flowers Festival di Collegno (TO), Revolution Camp di Montalto Marina (VT), e il Meeting del Mare di Marina di Camerota (SA). Hanno inolte aperto i live di artisti come La Rappresentante di Lista, Franco 126, Eugenio in Via di Gioia, Bloody Beetroots, Dutch Nazari. Il gruppo sostiene la causa LGBTQ+ e ha partecipato a vari Pride in giro per l’Italia (Bergamo, Novara, Torino, Padova), portando sul palco messaggi di amore, uguaglianza e rispetto. Negli anni hanno inoltre collaborato con importanti associazioni come Emergency e Amnesty International, che ha patrocinato il videoclip del brano “Libano”, uscito nel 2017.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *