ON AIR SUI 94.30 MHZ
NETWORK
Traccia corrente

Titolo

Artista

Programma attuale

Spazi

04:00

Programma attuale

Spazi

04:00


Rock Time del 05 Marzo 2023

5 Marzo 2023

 

Puntata del 05/03/2023

Setlist:

ArtistaTitoloAlbumAnno
ClashThe Magnificent SevenSandinista!1980
Isaac HayesHyperbolicsyllabicsesquedalymisticHot Buttered Soul1969
Public EnemyBlack Steel In The Hour Of ChaosIt Takes A Nation Of Millions To Hold Us Back1988
Body CountHey JoeStone Free: A Tribute to Jimi Hendrix1993
Daniel Romano’s OutfitEmpty Husk (live)Okay Wow!2020
Lenny KravitzIs There Any Love In Your HeartAre You Gonna Go My Way1993
Al GreenLet’s Stay TogetherLet’s Stay Together1972
Lucinda WilliamsOne More DayDown Where The Spirit Meets The Bone2014
Golden PalominosI’ve Been The OneBlast Of Silence1986
Warren ZevonSplendid IsolationTransverse City1989
Warren ZevonExcitable BoyExcitable Boy1978

La copertina della puntata di oggi è dedicata ai Clash e alla loro The Magnificent Seven, brano di apertura dell’album Sandinista!

E primo pezzo rap eseguito da un gruppo bianco, precedendo Rapture dei Blondie di circa 6 mesi.

Hyperbolicsyllabicsesquedalimistic è invece il secondo pezzo dell’album capolavoro Hot Buttered Soul di Isaac Hayes, che rimase per 10 settimane al numero 1 delle classifiche r&b nel 1969

Hyperbolic è anche uno dei numerosi brani di Hayes campionati da artisti rap/dance, in particolare dai Public Enemy con Black Steel In The Hour Of Chaos, dal grandissimo It takes a nation of millions to hold us back, uno dei capolavori della storia del rap.

Un altro gruppo rap chiude la prima parte, i Body Count di Ice T alle prese con la cover di Hey Joe di Jimi Hendrix, che a sua volta era una cover di un brano attribuito a Billy Roberts, anche se ci sono diverse versioni su quale sia la vera origine della canzone.

Nella seconda parte si alternano icone pop/rock come Lenny Kravitz con artisti quasi sconosciuti dalle nostre parti come il Canadese Daniel Romano, che merita comunque un occhio (o in questo caso un orecchio) di riguardo da voi appassionati delle sonorità rock.

La puntata si chiude con una sorta di 2×1, ovvero due canzoni dello stesso artista, e che artista: Warren Zevon, uno dei migliori cantautori americani degli ultimi 40 anni.

I testi di Zevon sono spesso crudi e cinematografici,  e se si pensa che suo padre, che lasciò la famiglia quando Warren aveva 16 anni, faceva parte di un’altra ‘famiglia’, quella del gangster Mickey Cohen, mentre sua madre fece parte della Chiesa dei Santi dell’Ultimo Giorno, si può immaginare che tipo di gioventù abbia sperimentato.

Fatto sta che fu solo grazie all’aiuto dell’amico Jackson Browne se Warren riuscì a realizzare il suo primo omonimo album nel 1976, e dal quel momento per circa 25 anni divenne una figura di culto nell’ambito del rock Americano, fino alla sua morte per mesotelioma nel 2003.

Le canzoni che vi propongo sono Splendid Isolation, da Transverse City del 1989 e Excitable Boy dall’omonimo album del 1978.

Tutti i dischi di Zevon meritano un ascolto, ma vi consiglio soprattutto il suo esordio del 1976, Excitable Boy del 1978, Life’ll Kill Ya del 2000 e il canto del cigno, The Wind del 2003

E anche per questa puntata è tutto.

Un saluto da Lorenzo Comastri, vi ricordo l’appuntamento a domenica prossima e … che il rock sia sempre con voi!


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *