ON AIR SUI 94.30 MHZ
NETWORK
Traccia corrente

Titolo

Artista

Programma attuale

Rockwave

21:00 23:00

Programma attuale

Rockwave

21:00 23:00


Luca Carboni racconta Luigi Ghirri nel podcast dell’Emilia-Romagna

REGGIO EMILIA. «È il Giorgio Morandi della fotografia». Così il cantautore bolognese Luca Carboni definisce Luigi Ghirri, “poeta dell’immagine” e del linguaggio critico, tra i fotografi più celebrati al mondo. A Ghirri – figura centrale nel panorama internazionale della fotografia del secondo Novecento, nato a Scandiano nel 1943 – è dedicata la terza puntata di “Ti racconto l’Emilia-Romagna”, il podcast della Regione a cura dell’Agenzia Informazione e Comunicazione della giunta regionale, nella cornice delle iniziative per il trentennale dalla scomparsa del fotografo promosse da Regione Emilia-Romagna e Apt Servizi con i Comuni di Reggio Emilia, Modena e Parma.

La terza puntata del podcast, intitolata “Luigi Ghirri vedere oltre”, esplora il lavoro del fotografo, il suo rapporto con la musica, le collaborazioni con i cantautori emiliano-romagnoli di cui ha realizzato numerose cover, da quelle di Lucio Dalla, che riteneva le sue foto “indimenticabili… e musicali”, a quelle per Luca Carboni, ospite della puntata.

Proprio per Carboni, Ghirri ha ideato la copertina del disco “Persone silenziose”, e le sue immagini della spiaggia della Riviera romagnola scorrono nel video della canzone “Colori”. Il podcast ospita poi Ilaria Campioli, curatrice della mostra “In miniatura”, tra le iniziative previste a Reggio Emilia. Nella puntata emerge anche il rapporto tra Ghirri e lo scrittore Gianni Celati, nel loro “Viaggio in Italia”, per narrare le grandi pianure attraverso le immagini delle campagne emiliane, dense di nebbia e immerse nel silenzio, così capaci di suscitare emozioni.

La figlia di Ghirri, Adele, afferma: «Il suo vedere oltre era comprendere che tantissimi elementi del nostro campo visivo erano degni di attenzione».

La puntata è online da ieri sul portale della Regione Emilia-Romagna e sulle piattaforme Spreaker e Spotify. fonte carlino – gazzetta